Alberona, in dono 4mila libri: nasce la Biblioteca Comunale

alberona

L’intero fondo librario dell’indimenticabile Giuseppe De Matteis è stato donato alla Comunità

Il lavoro di catalogazione è durato tre anni e se n’è occupata la nipote dell’intellettuale alberonese

L’inaugurazione si terrà sabato 22 agosto, alle ore 18, nel Municipio di Alberona

 

ALBERONA – Saranno inaugurati sabato 22 agosto, alle ore 18, nel Municipio di Alberona, la nuova Biblioteca Comunale e il Centro Studi dedicati alla memoria di un grande alberonese, Giuseppe De Matteis, docente universitario, critico letterario e scrittore scomparso due anni fa. Biblioteca e Centro Studi metteranno a disposizione del pubblico circa 4mila volumi, il fondo librario di Giuseppe De Matteis che Lidia e Nicola, sorella e fratello dell’intellettuale alberonese, hanno donato al paese.

TRE ANNI DI LAVORO. Ci sono voluti più di tre anni per catalogare saggi, romanzi, testi teatrali, manoscritti, poesie, volumi e scritti di differenti tipologie. Quel lavoro di catalogazione è stato fatto da Giuseppina De Matthaeis, nipote del professore che alla conoscenza e alla divulgazione del sapere ha dedicato tutta la sua vita. La Biblioteca è stata divisa in più sezioni: una di esse è dedicata esclusivamente ad Alberona, agli scritti di poeti, scrittori e studiosi alberonesi e all’editoria locale.

Giuseppe De Matteis fu docente universitario a Pisa, Foggia e Pescara. Intellettuale, scrittore e critico letterario, Alberona deve a lui l’istituzione del Premio internazionale di Poesia giunto quest’anno alla sua decima edizione. Fu uno dei più convinti e determinati sostenitori della nascita dell’Università di Foggia.

CHI ERA GIUSEPPE DE MATTEIS. Giuseppe De Matteis è morto nel 2013, all’età di 74 anni. Nacque ad Alberona nel 1939. La sua carriera di docente iniziò nelle scuole superiori di Foggia e Bari, poi arrivarono le cattedre universitarie nell’ateneo di Chieti-Pescara e in quello di Pisa. Si occupò con acume e passione di recuperare il patrimonio poetico e letterario popolare, in particolare quello dell’Italia meridionale. Esattamente 20 anni fa, nel 1985, la Presidenza del Consiglio dei Ministri gli riconobbe il Premio della Cultura per la sua instancabile e preziosissima opera. Si formò al Liceo Classico Ruggiero Bonghi di Lucera dove fu allievo di Pasquale Soccio, scrittore e intellettuale di San Marco in Lamis col quale nascerà negli anni un saldo rapporto di amicizia. La produzione di Giuseppe De Matteis comprende almeno 30 volumi tra saggi, monografie, pagine di critica letteraria.

LA BIBLIOTECA, MEMORIA E’ FUTURO. Ne era convinto anche lui: la memoria è futuro, è la base su cui costruire l’oggi e il domani. L’apertura di Biblioteca e Centro Studi ad Alberona, in un momento di grave difficoltà per ogni presidio culturale, è un segnale in controtendenza, un segno di speranza vera, concreta, nato da un atto d’amore, la donazione del patrimonio librario di Giuseppe De Matteis alla Comunità di Alberona. Con l’inaugurazione di sabato 22 agosto, ad Alberona prenderà il via una intensissima “tre giorni” dedicata alla cultura con la presentazione di libri, mostre fotografiche e la premiazione della decima edizione del Premio Internazionale di Poesia.

Eventi Notizie

Leave a Reply