“Fucacoste e cocce priatorje” a Orsara di Puglia

fucacostelocandina2016

“Fucacoste e cocce priatorje” per il giorno di Ognissanti a Orsara di Puglia, la tradizione con falò, zucche-lanterne, musica e spettacoli che inizierà dal 29 ottobre
Fiamme, zucche e musica animeranno, ad Orsara, “Fucacoste e cocce priatorje”, ovvero la Notte dei fuochi e le Teste del Purgatorio, insieme con giochi e laboratori sin dal mattino, mentre la sera sarà illuminata dai falò che faranno da cornice a sapori e spettacoli di artisti di strada e concerti.
L’evento-ricorrenza vero e proprio è per il 1° novembre, ma già dal 29 ottobre, si susseguiranno gli spettacoli degli artisti di strada, tra i quali Ziganamama Brassorkestar e i suoi musicisti che riempiranno di note le vie del paese, e poi i concerti di Terra Nostra Folk e Unza Unza Band, mentre la mattina di Ognissanti ci saranno i giochi, le visite guidate, la ludoteca all’aperto e il laboratorio d’intaglio delle zucche-lanterna.
A Orsara non si festeggia Halloween (tradizione americana), non la notte delle tenebre, ma quella della luce. Falò e teste del purgatorio per la notte dei cento fuochi e delle 1000 zucche-lanterna, così si festeggia e si anima la notte più lunga dell’anno per Orsara di Puglia. Qui, nel cuore verde della provincia di Foggia, la sera del 1° novembre si infiamma e si accende fino al mattino seguente. E’ un evento che mette in evidenza l’illuminazione della fede, il ricordo dei defunti, il gusto genuino di stare insieme condividendo un momento di comunione. E’ la “magia” autentica del legame misterioso tra il mondo dei vivi e quello di quanti vivono nella nostra memoria.
Non si pagherà né per l’ingresso al paese né per i parcheggi. Soltanto coloro che arriveranno più tardi e dovranno posteggiare il proprio autoveicolo a distanza dal paese, potranno usufruire, se vorranno, di un servizio navetta che li porterà in paese: chi ne fruirà dovrà versare solo un piccolo contributo. Il momento più suggestivo si vivrà attorno alle ore 19 del 1° novembre, quando cominceranno a prendere fuoco i rami delle ginestre raccolti per alimentare i tanti falò che illumineranno la notte orsarese. Da quel momento, avrà inizio la lunga notte dei Fucacoste e cocce priatorje (Falò e teste del Purgatorio), con l’apertura degli stand enogastronomici e l’inizio degli spettacoli.
Da sempre anche qui si usano le zucche lanterna. Beffarde, sorridenti, misteriose: nella notte dei falò, le anime del purgatorio sono guidate dai lumi posti all’interno delle zucche che prendono sembianze umane. In questo periodo, gli orsaresi scelgono le migliori zucche dei loro campi e le intagliano per la notte del 1° novembre. Nei giorni che precedono l’evento, Orsara di Puglia vibra al ritmo di una crescente frenesia. L’attesa e la preparazione sono vissute in ogni casa.
L’info point per i visitatori sarà attivo già dalle 10 del mattino, quando prenderanno il via anche le visite guidate. I visitatori potranno conoscere il complesso abbaziale, la Grotta di San Michele, il forno a paglia del 1526 dove si svolgerà il laboratorio di pasta e pizza, lo showroom Architettura e Vino e, infine, la Cantina del Paradiso dello chef Peppe Zullo. Gli artisti di strada del Gruppo Liu.Bo Città di Lucera, la mattina di Ognissanti saranno protagonisti di giochi, ludoteca e animazione per bambini; nel pomeriggio si scateneranno giocolieri, tamburi e mangiafuoco; in serata, lo spettacolo allegorico che metterà in scena la lotta tra il Bene e il Male. Dalle ore 18, infatti, davanti alla Fontana dell’Angelo saranno esposte le zucche intagliate che parteciperanno al concorso. Il fuoco ai falò sarà dato a partire dalle ore 19 e, un’ora più tardi, l’apertura dell’itinerario enogastronomico e l’inizio degli spettacoli musicali. A mezzanotte, tornerà a calcare le vie di pietra del paese “La processione della Confraternita delle Anime del Purgatorio sotto il titolo di Santa Maria delle Grazie”, un’antichissima usanza ripristinata lo scorso anno. I confratelli incappucciati, completamente vestiti di bianco, si avvieranno dall’antica Chiesa dei Morti e attraverseranno il paese accompagnandosi, come vuole la tradizione, alle anime dei defunti.
Ma già da sabato 29 ottobre con “Fuoco Live” inizierà la tradizione di Orsara, con lo spettacolo musicale a cura di Ministry of Music che si terrà alle ore 21. Mentre dal 30 ottobre, inoltre, saranno già attivi il laboratorio delle zucche e le visite guidate, ed in serata, dalle ore 20, in piazza Mazzini saranno realizzati piatti a base di zucca. Inoltre, alle 20.30 andrà in scena la commedia teatrale “Io non ci credo” della compagnia de “I senza nome”. Il 31 ottobre, dalle ore 18 alle ore 20, spazio ad “Ascoltiamo la tradizione” con realizzazione e proiezione di video; ed alle 20.30, don Rocco Malatacca presenterà il suo libro “Di luce e ombra”, dedicato a uno studio sui Fucacoste, negli spazi di Nuova Sala Paradiso.
Per ulteriori informazioni contattare l’URP del comune allo 0881.027495 e la ProLoco allo 0881.964904.
da http://www.pugliapositiva.it/

Attività

Leave a Reply