Il Colore Delle Emozioni, dal 20 al 30 giugno a Foggia

il colore delle emozioni

Il Colore Delle Emozioni, dal 20 al 30 giugno a Foggia, la mostra è visitabile presso l’Aps CREO in Via Lustro n. 3

da martedì 20 a venerdì 30 giugno
dalle 18 alle 21
APS Creo – via Lustro 3

il colore delle emozioni

NON VOGLIO RAPPRESENTARE MA ESPRIMERE

Concepisco la pittura come forma istintiva ed emotiva di risposta al richiamo che il colore, o meglio I COLORI esercitano da sempre sulla mia sensibilità.

Le emozioni non hanno forma, ma possono però evocarne una o richiamarne altre.

E la mia mano, la mia spatola, strumento di risposta veloce allo stimolo emotivo, intinge colori e li libera sulla tela nella loro complessità, nel loro spessore, nel loro tratto.

Allora, come in una trance, tutto si completa e si conforma secondo le leggi eterne che ogni colore conosce da sempre, secondo un ordine e un’armonia che gli occhi colgono e l’anima accoglie nel risultato sintetico finale del BELLO.

frantis

FRANCO TISO E LA FORMA DELLE EMOZIONI

Negli aforismi di Franco Tiso sul colore c’è la chiave di comprensione della sua pittura. “Non voglio rappresentare, ma esprimere”; “Il colore è il vestito della realtà, ma è anche il fascino e il mistero dell’immaginario”. Una pittura che non riproduce o imita la realtà dunque, ma che cerca di fissare sulla tela, attraverso il colore, una partitura di emozioni, scaturite dalla profondità dell’anima dell’artista, che ogni fruitore può far proprie. E le emozioni non hanno forma predeterminata. Sono immediate: guizzi di intuizione, associazione di idee, evocazioni, memorie, desideri, gesti, azione. Ciascuna emozione detta, nell’hic et nunc del suo manifestarsi, la propria forma. Che non ha i contorni del segno, né la costruzione geometrica dello spazio, ma è forza, energia cromatica pura che si diffonde sulla superficie dettando sensazioni e ritmi inaspettati. E in questa forza noi possiamo cogliere anche tutto il gesto creativo dell’artista, della sua spatolata, che stratifica e mescola colori materici e grumosi, immedesimandoci in esso e partecipando dei suoi moti interiori. La pittura ci apre così le porte dell’invisibile.

Commento Critico – Gaetano Cristino

Attività

Leave a Reply