LETTURA E OLTRE: DAVIDE GRITTANI, “ E invece io”, Aula Magna Liceo Classico ‘Lanza’, lunedì 14 novembre alle ore 11.15

davidegrittani12nov

«“Dottò sa come diciamo noi qui, che la processione si vede quando si ritira!” È vero. Da queste parti dicono spesso così. Ragione per cui, il ritardo epocale accumulato dalla processione attesa da questa gente, è diventato uno stile di vita. Sarà per questo che quaggiù aspettare equivale a muoversi.»

E’ uscito da meno di un mese “E invece io”, romanzo del giornalista e scrittore foggiano Davide Grittani, che deve il suo titolo a una bellissima canzone di Riccardo Sinigallia ( autore tra l’altro per i Tiromancino delle splendide canzoni ‘La descrizione di un attimo’ e ‘Due destini’ e in questi giorni il testo della bellissima ‘Amami, amami’ interpretata da Mina e Celentano).
Non poteva iniziare meglio la rassegna ‘Lettura e oltre’, giunta alla IX edizione , volta a educare gli allievi a un confronto critico con tematiche di ampio interesse, attraverso l’incontro con giornalisti , critici, registi, attori, visioni di film, ascolto di buona musica , perché i ragazzi non studino solo le pagine assolute degli antichi, ma conoscano i vari aspetti della contemporaneità e amplino i propri orizzonti di senso

Molto buone le recensioni del libro,di cui vi allego alcune:
“Un libro scritto con una grazia soffice e crudele, fuori dal comune”.
Dacia Maraini, scrittrice

“Intenso e godibile, la città in cui è ambientato diventa tutti i luoghi del mondo. Il personaggio protagonista diventa tutti gli uomini del mondo, la sua lucida confusione è la confusione del mondo. Non solo della Sinistra”.
Alessandro Piva, regista

“E invece io contiene diverse parodie, sottili e dissacratorie, riflessioni che in alcuni casi diventano j’accuse nei confronti dell’inutilità di talk e talent show, nei confronti di una Sinistra sfigurata da un imborghesimento che ne ha cambiato i connotati (…)”
Sabino Labia, Panorama.it

Ecco una breve sinossi del libro: DAVIDE GRITTANI, ‘E invece io’, Robin&sons 2016, E.12.00

Alberto Arioli è un uomo all’equatore della vita, stagione in cui «le buone maniere, le condotte politically-correct e le prudenze strategiche fanno posto all’istinto di conservazione». Ed è, appunto, per spirito di sopravvivenza, che accetta un’emigrazione al contrario, dalla Lombardia alla Puglia; che si mette alle spalle la borghesia malandata a cui appartiene; che si fa bastare un giornale in cui si respira il disagio di una professione che ha smarrito il proprio senso. Ma per il compleanno Alberto non scende a compromessi, per il suo «cinquantesimo» si regala un viaggio lungo un mese, in America del Sud. Un viaggio che diventa tragitto dentro se stesso, e sentiero contro ciò che aveva creduto potesse bastargli.
Sullo sfondo di questo romanzo, la controfigura di due movimenti che descrivono ironicamente il vuoto in cui langue la politica: da una parte il Partito dei Demiurghi, e dall’altra Federazione Illuminata, che assolvono i propri doveri ricorrendo all’abitudine più diffusa nella provincia italiana: l’esercizio della calunnia.

L’AUTORE
Nato a Foggia nel 1970, ha pubblicato il romanzo «Rondò» (Transeuropa 1998, postfazione di Giampaolo Rugarli); il saggio-inchiesta «Colpa di nessuno – Viale Giotto una tragedia all’italiana» (Utopia 2004, con uno scritto di Giorgio Bocca) e la raccolta di reportage «C’era un Paese che invidiavano tutti» (Transeuropa 2011, prefazione di Ettore Mo e testimonianza di Dacia Maraini). La sua monografia sul design industriale «Una storia italiana» (con interventi di Sandro Veronesi e Gae Aulenti, CDI 2012) è stata tradotta in francese e inglese. Ha ideato e curato la prima mostra della letteratura italiana tradotta all’estero Written in Italy, che dal 2006 è stata esposta a Foggia, Roma, Còrdoba, Leuca, Skopje, Vilnius, Amsterdam, Seul, Torino, Doha, Bologna, Montevideo, Sydney, Santiago del Cile e Algeri. Dal 2000 al 2014 ha lavorato al quotidiano “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

Un incontro in cui si parlerà di un altro modo di vivere il Sud, della crisi di identità dell’informazione, della politica, della provincia e di Foggia, nuovo ‘luogo letterario e esistenziale’ della nostra letteratura.

L’evento, organizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia,con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, con la Fondazione Banca del Monte e con la Libreria Patierno ha questo programma :

DAVIDE GRITTANI – Presentazione del libro E INVECE IO L’equatore della vita

Lunedì 14 novembre 2016
Aula Magna ‘L. Scillitani’ Liceo classico ‘V. Lanza’ di Foggia
h. 11,15: Saluti:
Dott.ssa Anna Paola Giuliani (Assessore alla Cultura Comune di Foggia)
Avv.ssa Claudia Lioia (Assessore alla Pubblica Istruzione Comune di Foggia)
Prof. Giuseppe Trecca (Dirigente Scolastico Liceo Classico “V.Lanza”- Liceo Artistico” Perugini”)

DAVIDE GRITTANI presenta la sua opera
Conduce : Mariolina Cicerale (Docente Liceo classico ‘V. Lanza’’)

DAVIDE GRITTANI, ‘E invece io’, Robin&sons 2016, E.12.00

L’iniziativa è una proposta culturale per la città

Notizie

Leave a Reply