“Polpo e Spada – Catch of the Day” presso la libreria Ubik di Foggia

polpo-e-spada-catch-of-the-day_cicatelli

I mari del sud Italia secondo un grande interprete della cultura culinaria mediterranea. Dal “Trabucco da Mimì” all’approdo in libreria, lo chef Domenico Ottaviano di Peschici, sabato 29 ottobre, ore 19, presenterà presso la libreria Ubik di Foggia “Polpo e Spada – Catch of the Day”
Dal famoso ristorante di Punta San Nicola, Gargano, un libro di “avventure gastronomiche”

locandinaottaviano polpo-e-spada-catch-of-the-day_gallinelle-di-mare polpospadaimmagine

Arancine di riso patate e cozze, Cicatelli con lupini e salicornia, Pan bagnato alle vongole e rucola di spiaggia, Murici e cardoncelli della Murgia su crema di cavolfiore, Tentacoli di polpo croccante, carote piccanti e crema di cicerchie… Sono solo alcune delle 45 ricette di Polpo e Spada – Catch of the Day (SIME BOOKS, 2016), interessantissima rappresentazione della cucina di mare del Meridione secondo la visione di uno straordinario interprete del settore, tra i migliori cuochi italiani. Sabato 29 ottobre, alle ore 19, lo chef Domenico Ottaviano presenta il suo libro nello spazio live della libreria Ubik di Foggia, raccontando il percorso geografico e culturale alla base delle sue “avventure gastronomiche”, in grado di attraversare tutto il Sud della penisola, dalla Puglia alla Sicilia. Alla testa del famoso ristorante “Al Trabucco da Mimì”, meraviglioso avamposto garganico di Punta San Nicola, Peschici, l’autore avrà cura di preparare per gli ospiti della libreria anche una piccola degustazione a base di pesce, del tutto ispirata alla “cultura marinaresca” che anima le pagine del suo splendido libro bilingue (italiano-inglese), arricchito di 22 approfondimenti, 100 fotografie e 15 disegni. A conversare con lo chef Domenico Ottaviano, la libraia Ubik Antonella Moffa.

Polpo e Spada – Catch of the Day. Ricette e avventure gastronomiche nei mari del sud Italia (SIME BOOKS, agosto 2016; testi: Domenico Ottaviano, fotografie: Maurizio Rellini, Illustrazioni: Monica Parussolo; bilingue Italiano – English; 224 pagine). Polpo, pesce spada e poi tonno, pesce azzurro, pesci di paranza e da zuppa, gamberi rossi, mazzancolle e vongole sono protagonisti della cucina di mare nel sud Italia e danno vita a piatti unici e dall’autentico sapore mediterraneo. Frutto di un sapere antico, le ricette di questo libro sono una rappresentazione fedele delle usanze culinarie di queste terre, aggiornate alla luce di una visione contemporanea. Ingredienti e tradizioni delle diverse cucine regionali si incontrano portando a una contaminazione tra Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna, Campania, Abruzzo e Molise. Polpo e Spada offre inoltre un ricco e dettagliato spaccato sulla cultura marinaresca e la pesca tradizionale, raccontando metodi antichi di secoli, oggi quasi scomparsi, le diverse tipologie ittiche e le conserve di mare. Il tutto con un occhio di riguardo agli elementi più schiettamente popolari della cultura del mare nel sud Italia, per molti aspetti un universo ancora “arcaico” e foriero di leggende e racconti ancestrali dal sapore mitico.

Domenico Ottaviano. Questo giovane ma navigato chef, nato e cresciuto a Peschici, sul Gargano, ha passato tutte le lunghe estati della sua gioventù tra il legno massiccio del trabucco e quello rustico dei tavoli del ristorante, ereditando nello stesso tempo due passioni: la pesca e la cucina, gli elementi alla base di questa pubblicazione. Appassionato di fotografia e giornalismo, ha scritto per divere use testate regionali prima di dedicarsi agli studi universitari. Si è laureato a Parma, prima in Scienze Gastronomiche, poi in Tecnologie Alimentari, discutendo due tesi sull’uso dell’acqua di mare in cucina e sulle preferenze dei consumatori per il pesce. Per la maggior parte dell’anno vive, pesca e cucina sugli scogli, nel ristorante “Al trabucco da Mimì” a Punta San Nicola, mentre l’inverno si concede ampi viaggi gastronomici intorno al globo. Il trabucco appartiene alla sua famiglia da cinque generazioni: gli Ottaviano, oggi tra i pochissimi depositari della tecnica costruttiva, ne sono premurosi custodi. Per le sue capacità nella comunicazione digitale si è classificato secondo al concorso Web Chef 2014 al Festival della Cucina Italiana di Rimini ed è qui alla sua prima pubblicazione.

Notizie

Leave a Reply