Think Pink, living room gallery 2017, dal 13 al 20 maggio a Foggia presso l’Istituto Marcelline

Thinkpink13-20maggio

JamArtProject / AndreaPacilliEditore
Buenaventura Comunicazione
Mostra “THINK PINK” – Living Room Gallery –
a cura di Antonio Scotellaro.
13/20 maggio 2017. Dalle ore 9:00 alle 13:00
Inaugurazione Sabato 13 maggio 2017 alle ore 10:00.
Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline. Corso Giuseppe Garibaldi, 108, 71100 Foggia. Info: 0881/748407.
” In occasione della festa della mamma l’Istituto di cultura e di lingue Marcelline inaugura e apre al pubblico un salotto culturale in british Style, accogliendo il progetto espositivo“ THINKPINK “ 10 personalità artistiche, 10 identità femminili, impegnate nella loro ricerca artistica di gusto bellezza ed eleganza. Le artiste esporranno in una dimensione privata e intima: oggetti di design, dipinti, illustrazioni e fotografie. La mostra sarà allestita in una sala raffinata con elementi d’arredo classici, l’arte proporrà un dialogo emotivo con le forme estetiche e l’ambiente attraverso relazioni e conversazioni con il pubblico in una location di rappresentanza e di scambi culturali; durante i giorni della mostra verrà servito del tè per accompagnare la visita e l’intrattenimento”.
Thinkpink13-20maggio
Artisti:
Antonella Tolve, Nelli Maffia, Giusi Di Stefano, Valentina Scarinzi, Rosanna Giampaolo, Stefania Fréjaville, Viola Gesmundo, Daria Kirpach, Concetta Russo, Keziat Terracciano.
“ La mostra “ THINKPINK “ è inserita in un percorso didattico complessivo e conclusivo dell’Istituto di cultura e di lingue Marcelline. ThinkPink è il pensiero rosa che ha attanagliato generazioni di bambini e adolescenti – sotto l’egida di mille stereotipi da sfatare- in antitesi col colore celeste attribuito al sesso maschile. Quella visione zuccherosa e mielosa alla quale ci ha abituati la retorica visiva dei media e della pubblicità. Una mostra che ha come principali interpreti le donne e in generale la femminilità, la determinazione di un pensiero intellettuale, evocazione di forza e di sapere nell’arte e nella società: dall’iconografia della madre alla potenza vitale della grande madre terra. Un’analisi profonda senza stereotipi o luoghi comuni sull’amore totale per antonomasia della figura materna, sulle donne che combattono senza mai arrendersi, che creano e donano vita, libere di essere madri, nel quotidiano, sui luoghi di lavoro e negli ambienti di dibattito culturale. La loro testimonianza rende il discorso estremamente potente, capace di imprimere al linguaggio dell’umanità, aspetti rilevanti dell’unicità e delle capacità di avere un dialogo privilegiato con la realtà dei propri vissuti. Un viaggio straordinario da compiere con loro, in occasione della festa della mamma e della giornata mondiale della famiglia. La figura della donna nelle arti del nostro tempo attraverso i diversi ruoli sociali assunti da queste artiste professioniste nel territorio di origine e dove l’originalità le ha condotte, nel mondo della grande madre terra. Una esposizione di sguardi, storie, vicende, eterogenea negli stili e versatile nelle scelte. Donne impegnate socialmente, donne che ascoltano e raccontano la loro vita e il loro ruolo attraverso l’impegno artistico con passione e coraggio familiare e sociale con intensità e vigore tra mille stereotipi e luoghi comuni spesso in antitesi all’uomo e al suo predominante ruolo antropologico oggi in declino. L’allestimento non è un caso che sia stato pensato per una living room, una sala d’incontri, di relazione, negli spazi di una “casa” dove le narrazioni della vita sono più profonde, senza filtri, tra mura domestiche il dialogo diventa rievocazione, ricordo e gli sguardi delle donne diventano ritratti della propria realtà, nascita dell’apertura al mondo sull’animo delle donne. Un mondo bellissimo e complicato allo stesso tempo, un viaggio da compiere assolutamente”.

Attività

Leave a Reply